area_3_lean_thinking
Il Lean thinking rappresenta una modalità gestionale finalizzata ad apportare valore aggiunto ai prodotti e/o servizi di un’organizzazione, attraverso l’identificazione e la successiva riduzione degli sprechi insiti nei propri processi.

Ma il Lean thinking rappresenta anche e soprattutto un diverso atteggiamento, un nuovo modo di ragionare, teso ad accrescere la flessibilità dell’impresa attraverso un ripensamento dell’intero flusso di creazione del valore.

L’adozione dell’approccio metodologico-filosofico del Lean thinking porta continuamente a domandarsi non solo qual è il valore che il cliente (interno ed esterno all’organizzazione) si aspetta dai nostri prodotti e servizi, domanda di non sempre facile soluzione, ma anche come sarebbe possibile aumentarlo costantemente andando ad eliminare tutte quelle attività che non sono considerate a valore aggiunto.

Diversamente dai modelli organizzativo-gestionali di matrice tradizionale, focalizzati principalmente sui processi a maggior valore aggiunto ma con scarsa attenzione al cliente, il Lean thinking parte proprio da una rivisitazione critica del concetto di “valore”, per ripensare, sulla base di questo, a tutto il flusso delle attività aziendali.

Il Lean non rappresenta, come molti consulenti vogliono far pensare, solo un set di strumenti da utilizzare nel momento del bisogno.  Il Lean è molto altro; visione di lungo periodo, integrazione con la strategia aziendale, coinvolgimento del personale, leadership, rappresentano solo alcuni degli aspetti più importanti su cui occorre investire all’interno di un’organizzazione e che se opportunamente introdotti e perseguiti nel tempo, possono diventare parte del dna della stessa, della sua cultura e del sistema di valori che la contraddistingue.